Fondi d’archivio | Archivi di famiglie e persone

I fondi personali o familiari, spesso costituiti di poche carte, sono in genere riordinati nell’ambito di progetti che prevedono l’inventariazione contemporanea di archivi di diversi soggetti produttori. Fanno eccezione i fondi più cospicui e articolati, che sono oggetto di interventi specifici.

La gran parte degli inventari è dunque individuata, a un primo livello, dall’indicazione della data o, meglio, dell’arco cronologico del versamento. A un secondo livello, le carte sono naturalmente accorpate per soggetto produttore:

  • Carte di famiglie e persone. Versamenti fino al 2007, inventario a cura di C. Pilocane;
  • Carte di famiglie e persone. Versamento 2008, inventario a cura di A. Calzolari e S. Taranto;
  • Carte di famiglie e persone. Versamento 2009, inventario a cura di A. Calzolari e S. Taranto;
  • Carte di famiglie e persone. Versamento 2010, inventario a cura di R. Mancino;
  • Carte di famiglie e persone. Versamento 2011, inventario a cura di R. Mancino;
  • Carte di famiglie e persone. Versamenti 2012-2014, inventario a cura di R. Mancino;
  • Archivio Vittorio Dan Segre. L’Archivio è articolato in due nuclei:
  • Archivio Dario Disegni, inventario a cura di S. Taranto;
  • Archivio Umberto De Benedetti, catalogo dei documenti a cura di G. Recchia;
  • Album fotografico ditta Donato Levi e figli, catalogo delle immagini;
  • Archivio Massimo Ottolenghi, inventario a cura di R. Mancino;
  • Archivio Marco Levi, inventario a cura di M.E. Ingianni

L’Archivio custodisce inoltre un’importante raccolta di Ketubbot, contratti matrimoniali ebraici [consulta].

Alcune fotografie, pur essendo chiaramente riconducibili a soggetti produttori specifici, alcuni dei quali per altro presenti in Archivio con fondi documentari individuati e schedati, nel 2011 erano state raccolte a parte e non descritte all’interno delle banche dati con i fondi archivistici delle persone e delle famiglie: in attesa di procedere con il necessario lavoro di integrazione di questo materiale fotografico all’interno delle banche dati, si mette a disposizione l’elenco prodotto nel 2011.

Progetto Memoria

Insieme alla documentazione d’archivio più propriamente intesa (e quindi tutti i documenti, di ogni natura, prodotti dall’attività di un soggetto, sia esso una persona o un nucleo familiare), un materiale di insostituibile valore storico, l’Archivio Terracini intende conservare e valorizzare anche le memorie intenzionalmente raccolte dai soggetti che vogliono narrare una parte della loro vita o della vita della loro famiglia.

Questa sezione del sito è appositamente dedicata alla raccolta e pubblicazione delle memorie private, siano esse messe per scritto o registrate in forma di audio o di video, degli ebrei piemontesi. L’estensione così come la natura dei testi può essere la più varia, ma l’Archivio si riserva la facoltà di uniformare dal punto di vista formale i materiali inviati e, se occorre, dell’editing (in accordo con l’autrice o l’autore).

Se desiderate sottoporre all’Archivio una memoria familiare da voi scritta o registrata, potete contattare Chiara Pilocane a questo account: direttore@archivioterracini.it.

  1. Alda Diena parla della sua famiglia a Carmagnola (2018)
  2. Benedetto Terracini ricorda il padre Alessandro Terracini in occasione della commemorazione organizzata dalla Accademia delle Scienze di Torino per il cinquantesimo anniversario della morte (Estratto dai Quaderni dell’Accademia delle Scienze di Torino, n. 36, 2020)
  3. Benedetto Terracini ricorda lo zio Benvenuto Terracini in occasione del XII congresso dell’ICOJIL, Cuneo 2019 (Estratti da La Rassegna Mensile di Israel, vol. 86, n. 1, gennaio-aprile 2020)
  4. Yaala Levi parla del padre Leo in occasione della presentazione del libro Musiche della tradizione ebraica in Piemonte a cura di Franco Segre (dicembre 2015)
  5. Ricordi e fotografie di Laura Ravenna