Le carte del COM.AS.EB.IT., sezione di Torino
Il progetto di valorizzazione dell’Archivio Terracini

Fra il 2019 e il 2020 l’Archivio Terracini ha realizzato un lavoro di schedatura analitica e scansione integrale della corrispondenza della sezione torinese del Comitato di assistenza per gli ebrei in Italia, datata fra il 1938 e il 1939. Il lavoro è stato realizzato anche grazie al sostegno della Regione Piemonte.

Il COM.AS.EB.IT. nacque il 15 novembre del 1938, con sede centrale a Milano. Aveva come scopi:

  • raccogliere dati statistici sulla condizione degli ebrei rimasti privi di impiego e sulle possibilità di nuove occupazioni,
  • aiutare gli ebrei rimasti disoccupati a trovare un nuovo lavoro, anche riadattando professionalmente gli ebrei che non potevano più svolgere la loro abituale attività, con l’istituzione di scuole di arti e mestieri e di scuole pratiche di agraria,
  • favorire l’emigrazione degli ebrei che erano costretti, poiché disoccupati, a lasciare l’Italia, svolgendo le pratiche necessarie, interessandosi della loro sistemazione nei Paesi di destinazione e anche occupandosi della realizzazione o eventuale trasferimento dei loro beni.

Il comitato era finanziato dai contributi degli oblatori, dalle sovvenzioni dell’Unione delle Comunità, dalle singole Comunità italiane e da enti ebraici stranieri di assistenza. Si componeva di cinque membri eletti dalla prima assemblea degli oblatori ed eleggeva un presidente, un vicepresidente e un direttore che aveva il compito di compiere tutti gli atti esecutivi; eleggeva inoltre un delegato presso ogni singola comunità. Il delegato della comunità di Torino fu Giulio Bemporad.

#YouTube

Interventi di Gadi Luzzatto Voghera, CDEC, Paolo Veziano, autore del libro Ombre al confine. L’espatrio dei clandestini ebrei stranieri dalla Riviera dei Fiori alla Costa Azzurra 1938-1940, Benedetto Terracini e Chiara Pilocane, Archivio Terracini.

Introduce Bianca Gardella Tedeschi

#Materiali